×
×

Francia

General information
Información General
Informations générales
Informazioni generali
Vispārīgā infromācija
Informații generale
Education and work of social carers
Educación y trabajo de cuidadores/as sociales
Formation et conditions de travail des ADV
Formazione e condizioni di lavoro delle assistenti familiari
Aprūpētāju izglītība un darbs
Educația și munca îngrijitorilor la domiciliu
Cuidados de larga duración y situación de los/as trabajadores/as sociales
L'accompagement de longue durée et les ADV
Assistenti familiari e assistenza domiciliare
Ilglaicīgā aprūpe un sociālo darbinieku situācija
Îngrijirea pe termen lung și îngrijitorii la domiciliu
Long-term care and social workers
Social protection system of elderly people in general
Sistema de protección social para las personas mayores en general
Système de protection sociale pour les personnes agées
Il sistema dell'assistenza socio-sanitaria alla popolazione anziana
Vecu cilvēku sociālās aizsardzības sistēma
Sistemul de protecție socială a persoanelor în vârstă, în general
Computer and Internet skills of the general population
Competencias informáticas y de internet de la población general
Maîtrise de l'informatique et d'Internet de la population dans son ensemble
Competenze informatiche e digitali
Vispārējās iedzīvotāju datoru un interneta prasmes
Competențele legate de utilizarea calculatorului și a internetului ale populației în general
  • Informazioni generali

     

    Paese

     

    Francia

    Popolazione totale

    2012

    63 409 191

    Popolazione anziana

     

     

    65-79

    2001

    12.1%

     

    2012

    11.6%

    >80

    2001

    3.8%

     

    2012

    5.5%

    Indice di vecchiaia

    1990

    n/a

     

    2001

    24.5

     

    2012

    26.6

    Proiezioni dell’indice di vecchiaia

    2020

    32.71

     

    2030

    39.06

    Aspettativa di vita alla nascita (anni)

    2011

     

    Uomini

     

    78.7

    Donne

     

    85.7

    Aspettativa di vita a 65 anni (anni)

    2011

     

    Uomini

     

    19.3

    Donne

     

    23.8

    Aspettativa di vita sana alla nascita

    2011

     

    Uomini

     

    62.7

    Donne

     

    63.6

    Durata della vita lavorativa (anni)

    2011

     

    Uomini

     

    36.1

    Donne

     

    32.3

    Tasso di occupazione dei lavoratori anziani (55-64 anni) – complessivo

     

    41.5%

     

  • Formazione e condizioni di lavoro delle assistenti familiari

     

    Paese

    Francia

    Ente di riferimento

    In Francia, le persone possono accedere all'apprendimento e alla formazione durante tutta la loro vita. Questo può essere diviso in formazione iniziale (a scuola per alunni e studenti) e istruzione e formazione professionale (nel corso della loro vita professionale).

    Lo Stato, le regioni e le parti sociali (tra cui IPERIA) lavorano insieme per elaborare questa politica di formazione professionale

    Finanziamento della formazione delle assistenti familiari

    Il finanziamento statale è a livello moderato, quello da parte delle autorità regionali e da fonti di beneficenza private è a livello basso. La formazione delle assistenti familiari è pagata dai datori di lavoro  Nel caso in cui l'assistente sia disoccupato, la formazione può essere pagata dallo Stato attraverso i 'Pôle emploi' (centri per l’impiego).

    Requisiti di accesso alla formazione

    La persona deve avere più di 17 anni. I residenti stranieri devono avere un permesso di soggiorno valido. Queste limitazioni valgono per la formazione professionale, mentre non esistono requisiti minimi per l’accesso alla formazione iniziale a livello di scuola superiore.

    Ente di riferimento per la formazione ulteriore

    Non esiste un diploma di istruzione superiore per gli assistenti.

    Finanziamento della formazione ulteriore delle assistenti familiari

    Solo nell’ambito della formazione professionale.

    Numero di persone inserite in percorsi di formazione per assistenti sociali

    Il numero di studenti nelle istituzioni di primo livello d'istruzione superiore (università)  e nei corsi brevi, non è sufficiente. Non esistono altri tipi di studenti. A causa dell'invecchiamento della popolazione, è in aumento la necessità di accompagnatori qualificati. Questo è un settore in cui la domanda di lavoro è potenzialmente elevata, ma non ci sono abbastanza studenti per soddisfare questa richiesta.

    Ente di riferimento per la gestione e implementazione della Partnership europea per l'innovazione sul tema "Invecchiare rimanendo attivi e in buona salute" (EIP_AHA)

     

    Nessuna informazione disponibile

    Principale fonte di finanziamento della Partnership europea per l'innovazione sul tema "Invecchiare rimanendo attivi e in buona salute"

    Nessuna informazione disponibile

    Requisiti per esercitare la professione di assistente familiare

    I frequentanti di corsi professionali a breve termine e gli studenti dei corsi di assistente sociale possono lavorare liberamente come assistenti familiari. Chi ha solo un titolo di istruzione primaria o secondaria di primo grado lavorare sotto supervisione. Per diventare un assistente familiare è necessario avere un diploma o essere appositamente formati (formazione professionale) e poi certificati. In alcuni casi è possible ottenere la  convalida di una precedente esperienza professionale. In tal caso non vi è alcun requisito di formazione, ma soltanto un requisito di certificazione.

    Requisiti in termini di competenze informatiche per esercitare la professione di assistente sociale

    Le competenze in materia di TIC sono auspicabili, ma non necessaria.

    Standard formativo per le assistenti familiari

    Dal 2002, il Registro Nazionale della Certificazione Professionale stabilisce con precisione il perimetro di attività di un posto di lavoro. Il suo obiettivo è quello di offrire informazioni aggiornate su gradi, qualifiche professionali e certificati che compaiono negli elenchi redatti dalle commissioni miste nazionali per l'occupazione per i settori professionali. Nel 2009, IPERIA ha presentato una certificazione per “Assistant de vie” che è stata accettata e che prevede lo svolgimento di attività di assistenza e cura alla persona escluse le attività infermieristiche.

    Sistema di assistenza domiciliare

    Responsabile per la promozione  dello sviluppo e della qualità del settore dei servizi di cura personale, l’Agence nationale des services à la personne è un ente amministrativo pubblico creato dal decreto del 14 ottobre 2005, in conformità con la legge 26 luglio 2005; è sotto la supervisione del Ministero del Lavoro, l'occupazione e il dialogo sociale e del  Ministero per Artigianato, Commercio e Turismo. Serve come punto di accesso unico per tutti gli operatori del settore e consente un processo amministrativo regolare beneficiando dello sviluppo dei servizi alla persona.

    L’assistenza domiciliare per gli anziani è fornita da tre diverse tipologie di operatori:

    • assistenti assunti direttamente dalle famiglie
    • assisitenti assunte da organizzazioni che forniscono servizi alla persona,
    • assisitenti che lavorano in case di cura private.

    Per ciascuna categoria è previsto un differente contratto collettivo nazionale.

    Il decreto del 22 ottobre 2005, relativo alla formazione che porta al diploma nazionale e il decreto di modifica dell'8 febbraio 2007, definiscono il quadro di intervento degli operatori.

    Diritto alla formazione

    In Francia un assistente viene automaticamente accreditato con 40 ore di formazione quando inizia a lavorare. Successuvamente, ogni dipendente viene accreditato con 20 ore annuali di «Droit individuel à la formation» (diritto individuale alla formazione professionale), che possono essere cumulate per 6 anni con un limite di 120 ore. Il diritto individuale alla formazione professionale viene utilizzato su iniziativa del dipendente e col consenso del datore di lavoro, Questi crediti sono finanziati da un'agenzia accreditata che raccoglie i contributi dei datori di lavoro.

    Quadro normative sulla formazione delle assistenti familiari

    Il decreto del 22 ottobre 2005, relativo alla formazione che porta al diploma nazionale e il decreto di modifica dell'8 febbraio 2007, definiscono il quadro di intervento degli operatori.

    Il contratto collettivo nazionale, nei  settori di assistenza domiciliare, di assistenza, sostegno e cura, definisce il quadro di riferimento per coloro che lavorano per le organizzazioni che forniscono servizi alla persona. Il contratto collettivo nazionale per l'assistenza ospedaliera privata definisce il quadro di lavoro per coloro che lavorano in case di cura private.

    Opportunità formative per assistenti familiari

    IPERIA produce un catalogo di moduli di formazione per gli assisitenti, che sono ampiamente diffusi. Gli assistenti possono scegliere di ricevere la formazione in uno dei 232 (nel 2013) centri di formazione accreditati IPERIA.

    Certificazione delle competenze per le assistenti familiari

    Dal 2002, il Registro Nazionale della Certificazione Professionale stabilisce con precisione il perimetro di attività di un lavoro. Il suo obiettivo è quello di fornire informazioni aggiornate su gradi, qualifiche professionali e certificati che compaiono negli elenchi redatti dalle commissioni miste nazionali per l'occupazione per i settori professionali. Esso contribuisce a migliorare l'accesso al lavoro, la gestione delle risorse umane e la mobilità professionale.

    I titoli elencati nel registro sono riconosciuti in tutto il Paese. Il registro nazionale elenca solo vere qualifiche. Nel 2009, IPERIA ha presentato una certificazione che è stata accettata. Per ottenere la certificazione come 'assistent de vie', è necessario frequentare un corso in un centro di formazione certificato IPERIA (521 ore) o ottenere una convaliuda dell’esperienza professionale convalidato. In entrambi i casi, è necessario sostenere un esame.

    Sistema di validazione dell’esperienza pregressa

    Chi ha lavorato almeno tre anni nel corso degli ultimi cinque anni può fare domanda di certificazione professionale e sottoporla a una apposite commissione che può validare tutta o parte della certificazione a seconda delle competenze del candidato. Se necessario, si definiranno i moduli mancanti che il candidato può seguire per ottenere la certificazione.

    Il mercato del lavoro nel settore della cura domiciliare

    Le richieste di assistenti qualificati ed esperti sono numerose, tuttavia, il numero di persone effettivamente impiegato rimane limitato. Questa è una conseguenza della bassa solvibilità dei datori di lavoro del settore. Gli anziani fanno affidamento sulle pensioni, che sono basse e spesso non consentono di pagare un assistente. La difficoltà di trovare fondi per finanziare un’assistente frena l’occupazione in questo settore. Questo fenomeno è aggravato dalla crisi attuale.

    Partecipazione a iniziative di collaborazione a livello europeo nel settore della cura degli anziani

    La collaborazione potrebbe essere molto più elevata. Le particolarità del sistema francese (lavoro, quadro giuridico, formazione finanziata dai datori di lavoro, ecc) lo rendono difficile da replicare altrove. Di conseguenza, anche se la Francia è vista come un modello da seguire per molti dei suoi omologhi europei, la sua collaborazione a livello europeo rimane scarsa.

    Status professionale delle assistenti familiari

    0,5 milioni di persone lavorano nelle case degli anziani

    98% sono donne

    37% hanno più di 50 anni

    Età media: 47 anni

    Titoli di studiio:

    • 62.1%: nessun titolo
    • 21.2% DEAVS o equivalente
    • 7.8% diploma di studi nelle carriere sanitarie e sociali
    • 1.4% diploma di studi professionali in agricoltura e servizi alla persona

    Condizione occupazionale

    • 16.9%: occupati direttamente dalla famiglia;
    • 37%:  assunti in un’imresa privata
    • 32.3%: assunti in una associazione

    Posto di lavoro

    L’assistenza domiciliare per gli anziani è fornita da tre diverse tipologie di operatori:

    Assistenti direttamente impiegate dalle famiglieche vivono nella stessa casa del datore di lavoro.

    Assistenti impiegate da organizzazioni che forniscono servizi alla persona,

    Assistenti che lavorano in case di cura private.

    I posti di lavoro nel settore dei servizi di cura e di assistenza domiciliare per le persone anziane in Francia sono i seguenti:

    Lavoro presso famiglie

    Lavoro presso associazioni

    Lavoro presso aziende private

    Caregiver familiare volontario

     

    Requisiti personali

    Nessun requisito specifico

    Requisiti per candidati immigrati

    Permesso di lavoro.

    Regolamenti e condizioni di lavoro

    • Orario di lavoro: 40 ore settimanali. Lavoro straordinario: +25% per meno di 8 ore extra e +50% per più di 8 ore extra.
    • Periodo di riposo e pause: una giornata di riposo alla  settimana, preferibilmente di Domenica.
    • Lavoro notturno: è compatibile con la giornata lavorativa. Un assistente può avere la possibilità di dormire a casa del datore di lavoro, senza effettivamente lavorare, ma deve intervenire in caso di necessità. Non è possible cumulare più di 5 notti consecutiva di lavoro.
    • Ferie retribuite: 2,5 giorni lavorativi al mese.
    • Congedo per malattia, maternità: stessi diritti degli altri lavoratori.
    • Sussidio di disoccupazione: stessi benefici degli altri lavoratori.

    Pagamento

    In riferimento alla retribuzione dei lavoratori di cura, il salario minimo è fissato dalla tabella degli stipendi nel contratto collettivo, in cui si afferma che la retribuzione minima non deve mai essere inferiore al salario minimo. I datori di lavoro familiari beneficiano di vantaggi fiscali e l'esenzione dai contributi sociali.

    I datori di lavoro familiari ricevono anche voucher universali, di lavoro (chèque emploi-service universel - CESU) e un assegno personale autonomia (allocation personnalisée d'autonomie - APA) che possono contribuire al pagamento di un assistente.

    Benefit aggiuntivi

    Nessun altro beneficio.

     

    Motivazione al lavoro come assistente familiare

    La grande maggioranza delle assistenti (88%) ha lavorato inprecedenza in settori diversi dall’assistenza. Molte persone diventano assistenti familiari dopo avere perso il lavoro o per la difficoltà di stabilizzare la loro attività professionale. Aiutare gli altri non è un lavoro che le assistenti scelgono all'inizio della loro vita professionale..

    Durata media dell’impiego

    La conclusione di uno studio FEPEM: Nonostante il ritardo nell'attività di cura e le difficoltà associate al lavoro, le assistenti intervistate affermano di non voler fare un altro lavoro nei prossimi anni (80%). Il 75% pensa di rimanere assistente fino alla pensione. In particolare, una vasta maggioranza di assistenti desiderano evolvere nel loro lavoro e ricevere una formazione.

     

  • Assistenti familiari e assistenza domiciliare

     

    Paese

    Francia

    Assistenza a lungo termine

    Principi di base

    Integrazione alla pensione di invalidità (pension d'invalidité), pensione di vecchiaia (pension de vieillesse) o pensione infortunio sul lavoro (rente accident du travail), finanziata dai contributi.

    Sussidio universale per le famiglie, finanziato dai contributi e da una parte del contributo generalizzato sociale (contribution sociale généralisée, CSG). Indennità di disabilità (prestation de compensation du handicap) e indennità per perdita di autonomia (allocation personnalisée d'autonomie).

    Assistenza universale finalizzata a finanziare il fabbisogno associato alla perdita di autonomia per le persone disabili o anziane.

    Finanziamento: Contributo autonomia (contribution solidarité autonomie), parte del CSG, contributi da fondi pensione e fondi assicurazione malattia.

    Assistenza a lungo termine

    Ambiti di applicazione

    Supplemento per l'assistenza di terzi (majoration pour aide d'une tierce personne):

     

    - Beneficiari di pensione di invalidità , pensione di vecchiaia  (a determinate condizioni) o pensione infortunio sul lavoro .

    - Indennità di disabilità (prestation de compensation du handicap):

    - Persone disabili residenti in Francia e la cui invalidità risponde a criteri definiti.

    Indennità per perdita di autonomia (allocation personnalisée d'autonomie):

    - Persone anziane residenti in Francia che soffrono di perdita di autonomia.

    Organizzazione dell’assistenza a lungo termine

    Caregiver informali e operatori professionali

    Operatori professionali:

    - Supplemento per l'assistenza di terzi (majoration pour aide d'une tierce personne)

    - Indennità di disabilità (prestation de compensation du handicap):

    - Indennità per perdita di autonomia (allocation personnalisée d'autonomie)

    Posti di lavoro diretti e indiretti: le somme stanziate possono anche essere utilizzate per remunerare i fornitori di assistenza domiciliare autorizzati.

    Caregivers informali:

    - Supplemento per l'assistenza di terzi (majoration pour aide d'une tierce personne)

    - Supplemento per l'educazione speciale di un bambino disabile e per la compensazione della disabilità: le somme stanziate possono essere utilizzate per remunerare il coniuge, convivente o persona con la quale il beneficiario ha concluso un patto civile di solidarietà (Pacte civile de solidarité, PACS).

    - Indennità per perdita di autonomia (allocation personnalisée d'autonomie)

    Possibilità di assumere uno o più membri della famiglia, con l'eccezione del coniuge, il convivente o la persona con la quale il beneficiario ha concluso un PACS.

    Assistenza a lungo termine

    Benefici per il lavoratore

    L’assistente ha diritto agli stessi benefici previsti per alter categorie di lavoratori dipendenti

    The beneficiary of the allowance can make use of home services offered by specialised organisations (services organised by the municipality, by state-authorised associations or by undertakings).

    S/he can also opt to remunerate these organisations by using a universal service employment cheque  The beneficiary can choose to be employer him-/herself, either directly or by proxy. Il beneficiario dell'indennità può usufruire di servizi domiciliary erogati da organizzazioni specializzate (servizi organizzati dal Comune, dalle associazioni autorizzate dallo Stato o imprese private). Può anche scegliere di remunerare queste organizzazioni utilizzando un voucher apposito (chèque emploi service universel, CESU). Il beneficiario può scegliere di assumere direttamente o per delega

    Assistenza a lungo termine

    Costi per l’utente

    Gli importi e le tariffe dei servizi sono definiti in base al tipo di spesa e al reddito dell’utente.

     

  • Il sistema dell'assistenza socio-sanitaria alla popolazione anziana

     

    Paese

    Francia

    PIL ai prezzi di mercato. Potere d’acquisto medio per abitante, 2011

    27 200

    Spesa pensionistica,  
    % del PIL, 2010

    13.5%

    Spesa per l’assistenza agli anziani,
    % del PIL, 2008

    0.4%

    % di popolazione over 65 a rischio di povertà, 2011

    9.7%

    Pensioni di vecchiaia

    Principi di base

    Regimi di base e complementari obbligatori di assicurazione sociale finanziati dai contributi pensionistici legati al reddito in funzione dei contributi e della durata di affiliazione.

    Pensioni di vecchiaia

    Età pensionabile

    Regime generale per i dipendenti (Régime général d'assurance vieillesse des travailleurs salariés, RGAVTS):

    • Se il  periodo minimo di contribuzione è completato: 60 anni  per i nati prima del 01/05/1951. L’età pensionabile aumenta di cinque mesi l'anno fino a raggiungere 62 anni per i nati nel 1955 o più tardi.
    • Se il periodo minimo di contribuzione non è completato: 65 anni per i nati prima del 01/07/ 1951. Graduale aumento annuo fino a raggiungere i 67 anni per i nati nel 1955 o più tardi.

    Schemi integrative per dipendenti (ARRCO) e dirigenti (AGIRC): fra I 65 e I 67 anni o al conseguimento della pensione.

    Finanziamento delle pensioni di vecchiaia

    Contributi (lavoratori e datori di lavoro), contributi speciali e partecipazione delle autorità pubbliche.

    Strumenti per disoccupati anziani

    Indennità Prepensionamento (Allocation Spéciale FNE) del Fondo Nazionale per l'Occupazione (Fonds national de l'emploi): finalizzata a garantire ai lavoratori più anziani che sono stati licenziati causa esubero un reddito sostitutivo fino all'età pensionabile. Schema chiuso dal 10/10/ 2011.

    Indennità transitoria di solidarietà (Allocation Transitoire de Solidarité, ATS): volta ad alleviare le misure riguardanti l'aumento dell'età pensionabile per le persone involontariamente disoccupaei che soddisfano le condizioni per l'ottenimento di pensione di vecchiaia, ma che non hanno ancora raggiunto l'età pensionabile. L'ATS sostituisce il beneficio AER per il periodo 01/07/2011-31/12/ 2014.

    Finanziamento dei sistemi di assistenza a lungo termine

    Assistenza agli anziani

    Sistema pensionistico senza patrimonio di previdenza (‘pay as you go’).

    Assistenza sanitaria

    Principi di base

    Regime di previdenza sociale obbligatoria con affiliazione basa in primo luogo su criteri professionali e in secondo luogo di residenza, e finanziato da contributi sociali e contributi speciali.

    Assistenza sanitaria

    Contributi per protesi, occhiali, ausili

    Regime generale di assicurazione sanitaria per i dipendenti (Régime général d'assurance maladie des travailleurs salariés, RGAMTS):
    Rimborso pari al 60% dei costi, che può variare a seconda dell'età e della disabilità. Per grandi impianti è previsto il rimborso al 100% previa approvazione della Cassa Malattia.

     

  • Competenze informatiche e digitali

     

    Paese

     

    Francia

    Uso del computer

     

     

    Indisponibilità di un computer nell’abitazione

    2011

     

    Adulti di 65 anni o più che non possono permettersi l’acquisto di un computer

     

    5.3%

    Competenze informatiche

    2012

     

    Persone che sanno  copiare o spostare file o cartelle

     

    70.0%

    Persone che sanno effettuare operazioni di taglia-copia-incolla per duplicare o spostare informazioni

     

    71.0%

    Persone che sanno creare file compressi

     

    42.0%

    Metodi di acquisizione delle competenze informatiche

    2011

     

    Autoapprendimento

     

    66.0%

    Motivi per cui si è scelto di non frequentare un corso di informatica

    2011

     

    Già in possesso di sufficienti competenze informatiche

     

    40.0%

    Uso solo saltuario del computer

     

    11.0%

    Uso di Internet

     

     

    Frequenza accessi:

    2012

     

    Una volta la settimana

     

    78.0%

    Tutti i giorni

     

    65.0%

    Utilizzo di Internet per

    2012

     

    Home banking

     

    54.0%

    Interazione con la P.A.

     

    61.0%

    Accesso a Internet con computer portatile

     

     

    Tutti i giorni o quasi tutti i giorni

     

    13.0%

    Livello di competenza nell’uso di Internet

    2011

     

    Usare un motore di ricerca per trovare informazioni

     

    77.0%

    Inviare e-mail con allegati

     

    69.0%

    Postare messaggi in chat e/o forum di discussione

     

    32.0%

    Usare Internet per effettuare chiamate telefoniche

     

    35.0%

    Cercare informazioni su temi relativi alla salute

     

    36.0%

    Preoccupazioni relative all’uso di Internet

    2010

     

    Forte preoccupazione che il computer sia infettato da un virus con conseguente perdita di informazioni e tempo

     

    31.0%

    Moderata preoccupazione che il computer sia infettato da un virus con conseguente perdita di informazioni e tempo

     

    29.0%

    Nessuna preoccupazione che il computer sia infettato da un virus con conseguente perdita di informazioni e tempo

     

    17.0%

    Problemi riscontrati nell’uso di Internet negli ultimi 12 mesi

    2010

     

    Perdita di tempo o di informazioni causata da un virus che ha infettato il computer

     

    27.0%

    Perdite finanziarie causate dalla ricezione di messaggi fraudolenti ('phishing') o da richiesta di informazioni personali da siti contraffatti ('pharming')

     

    0.0%

    Attività via Internet non effettuate a causa di preoccupazioni relative alla sicurezza

    2010

     

    Acquisto di beni o servizi per uso privato

     

    23.0%

    Comunicazioni con servizi e amministrazioni pubbliche

     

    7.0%

    Uso e aggiornamento di software per proteggere il computer e i dati in esso contenuti

    2010

     

    Uso di qualsiasi tipo di software o strumento (anti-virus, anti-spam, firewall, ecc.) per proteggere il computer e i dati in esso contenuti

     

    69.0%

    Nessun uso di software o strumento (anti-virus, anti-spam, firewall, ecc.) per proteggere il computer e i dati in esso contenuti

     

    5.0%

    Non sa

     

    1.0%

    Frequenza di backup dei dati dal computer a un disco esterno

    2010

     

    Sempre o quasi sempre

     

    21.0%

    Mai o quasi mai

     

    23.0%

    Competenze digitali delle assistenti familiari

     

    Generalmente scarse